Montescudaio, Senago

La notizia: il Consiglio Comunale di Montescudaio, in provincia di  Pisa, ha dato, all’unanimità, la cittadinanza onoraria a dodici bambini che sono nati in Italia da genitori migranti e che frequentano le scuole locali. La consegna degli attestati è avvenuta il 16 marzo 2012 in un Istituto scolastico, dopo un percorso educativo che ha coinvolto i compagni di scuola di questi bambini.

Senago Bene Comune saluta quest’iniziativa, piccola ma significativa, con grande gioia e soddisfazione.

Ma che cosa ha portato il Consiglio Comunale di questa piccola città toscana a concedere la cittadinanza onoraria a dei bambini considerati stranieri dal nostro odinamento?

In Italia la legislazione che regola la concessione della cittadinanza si fonda su di un principio medioevale: lo ius sanguinis, il “diritto del sangue”. Esso prevede che solo per ereditarietà si possa avere la cittadinanza. Cioè si può diventare cittadini italiani solo se si è figli di almeno un genitore italiano.

Nei Paesi più avanzati, invece, le leggi che regolano la cittadinanza ruotano attorno allo ius soli: il diritto del suolo. Se le nostre leggi lo riconoscessero, sarebbe cittadino italiano chiunque fosse nato sul nostro territorio.

Occorre pensare un attimo, riflettere su quanto ci sarebbe bisogno, in Italia, di superare il medioevo e considerare italiano chi vive, lavora, studia, cresce nel nostro Paese.

Un popolo non è fatto di genoma ed eredità: si arricchisce con il tempo, la storia e con i contatti con le altre culture, come d’altra parte è sempre successo nella storia. Chi nega quest’evidenza dovrebbe tornare a scuola a studiare.

Non possiamo negare che il nostro popolo sia fatto anche dalle persone che, provenendo dall’estero, si sono stabilite nel nostro Paese. Negarlo vuol dire solo mantenerle in una condizione di subalternità e ricattabilità. La perfida ed iniqua legge Bossi-Fini è stata studiata proprio per questi scopi e civiltà vorrebbe che venisse abrogata.

A Montescudaio hanno pensato di superare  questa situazione incivile con un atto coraggioso. Senago Bene Comune pensa che anche a Senago sarebbe possibile farlo. Non si sa ancora chi governerà la nostra città, ma possiamo fin d’ora aspettarci che un’amministrazione che voglia rendere aperta Senago prenda analoghi provvedimenti. Abbiamo molto da imparare, da Montescudaio. Anche a Senago possiamo farlo.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...