Concorso per Dirigenti Scolastici in Lombardia: sono da correggere nuovamente tutte le prove scritte

Torno subito
Con una sentenza dell’11 luglio, il Consiglio di Stato ha rigettato l’appello del MIUR contro la sentenza con cui il TAR aveva annullato il concorso per Dirigente Scolastico in Lombardia.
L’appello al TAR era stato promosso da alcuni candidati risultati inidonei alla prova scritta, che avevano contestato l’eccessiva, anche se parziale, trasparenza delle buste cartacee nelle quali erano stati chiusi gli elaborati. I ricorrenti al TAR avevano anche contestato il fatto che i criteri di correzione erano stati definiti solo dopo lo svolgimento delle prove scritte.
Il TAR dette ragione ai ricorrenti ed il MIUR, tramite l’Avvocatura dello Stato, ricorse in appello contro la sentenza del TAR, che dichiarava non validi gli esiti del concorso.
Nella sua sentenza, il Consiglio di Stato afferma che l’anonimato delle prove andava garantito escludendo qualsiasi possibilità anche teorica di identificarne gli autori.
Per questo il MIUR ha avviato le procedure per correggere nuovamente tutti i 946 elaborati. Secondo il sito “Orizzonte Scuola”, ci vorranno circa sei mesi per correggerli.
Il 16 luglio il MIUR ha incontrato i sindacati per definire le procedure; all’incontro, i responsabili del Ministero hanno dichiarato che nomineranno entro pochi giorni la nuova commissione e che, ottemperando alla sentenza, hanno già affidato a tre dirigenti l’incarico di rendere anonime le prove, ricostituendo i plichi con l’utilizzo di buste, questa volta, del tutto opache.
Altri sei mesi (almeno) per avere i risultati del concorso lombardo: questo significa che, per tutto il prossimo anno scolastico, circa un terzo degli Istituti Scolastici lombardi dovrà essere nuovamente affidato a reggenti.
Anche l’Istituto Comprensivo “Leonardo da Vinci” di Senago andrà a reggenza; è possibile, per il prossimo anno scolastico, una riconferma della Dirigente reggente nel 2012/2013, la dottoressa Anna Maria Spena.
Il ritardo nella nomina dei nuovi Dirigenti Scolastici non è una buona notizia per nessuno.
Nello stile del partito a cui appartiene, Valentina Aprea, del PdL, ha avuto da dire sulla sentenza: si aspettava “un esito diverso”; l’ufficio stampa del PD ha diramato una nota in cui definisce “imperdonabili” gli errori dell’USR Lombarda nella gestione del concorso.
Sindacati ed associazioni di categoria hanno espresso sulla vicenda giudizi negativi.
Quello che è certo è che a nessuna scuola fa bene essere diretta da un reggente. E che i problemi continueranno.
Quello che è altrettanto certo è che USR  Lombardia e MIUR hanno fatto una gran brutta figura.
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...