Terminata la campagna di raccolta delle firme per i referendum a favore della scuola pubblica e della Costituzione

Matite

È terminata a Senago la campagna di raccolta di firme per chiedere la convocazione di referendum abrogativi di alcune delle peggiori leggi architettate dalla maggioranza di governo guidata dal PD.

Nel maggio 2016 si è costituito a Senago il Comitato per la Difesa della Costituzione, guidato dall’ANPI. A questo Comitato hanno aderito Sinistra Senago, SEL-Sinistra Italiana, Possibile: questo Comitato si è dato il compito di raccogliere le firme per chiedere l’abrogazione della nuova legge elettorale, il cosiddetto Italicum, che è un vero sfregio alla Costituzione ed alla democrazia. Lo stesso Comitato sarà impegnato in autunno per il No alle revisioni costituzionali volute dal PD.

Sinistra Senago e SEL-Sinistra Italiana si sono anche impegnati a raccogliere le firme che chiedono il referendum abrogativo delle parti peggiori della legge 107 di riforma della scuola, conosciuta con il menzognero nomignolo “Buona Scuola“.

Separatamente, ma con gli stessi obiettivi, ha raccolto le firme anche il Movimento Cinque Stelle di Senago.

Il numero minimo delle firme necessarie, affinché sia indetto il referendum, è di 500 mila in tutta Italia, pari a circa l’1% del corpo elettorale. A Senago sono state superate le 260 firme raccolte, pari a quasi l’1,6% dell’elettorato locale. Si tratta quindi di un buon risultato.
Adesso è necessario aspettare i dati nazionali per capire se l’obiettivo di mezzo milione di firme sarà raggiunto; ma, anche se lo si raggiungesse, saranno molti gli ostacoli che il PD di Renzi potrebbe utilizzare affinché i referendum non abbiano successo: potrebbe sabotarli cambiando qualche norma delle leggi delle quali si chiede l’abrogazione, oppure potrebbe programmare elezioni anticipate “ad orologeria” che li impedirebbero. Infine, potrebbe fare, come ha già fatto, propaganda per l’astensionismo.

Insomma, la strada per eliminare alcune delle peggiori leggi renziane è ancora lunga e si preannunzia difficile, ma vale la pena di percorrerla, perché l’alternativa è la piena ed incontrastata realizzazione di un disegno politico, quello del PD, che offende la coscienza civile e la stessa democrazia italiana.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...